Statuina di una cultura sconosciuta ritrovata in Siberia.

Quale cultura ha realizzato questo manufatto?

I reperti sono stati ritrovati in un sito di sepoltura preistorico (Turist-2) vicino alla riva orientale del fiume Ob a Novosibirsk.

Panoramica del sito di Novosibirsk

Panoramica del sito di Novosibirsk

Il più sensazionale di questi è una figurina fatta di un materiale organico ancora sconosciuto avente un copricapo di piume. O si tratta di un’aureola sulla testa di una divinità?

I ricercatori lavoreranno duramente per decifrare il significato di questa intrigante reliquia.

Statuina con copricapo di piume, Novosibirsk.

Statuina con copricapo di piume, Novosibirsk.

Il copricapo con le piume non è comune nei siti archeologici dell’antica Siberiasebbene lo siano nel Medio Oriente forse uno o duemila anni dopo – e l’archeologo Vyacheslav Molodin ha definito questo e altri ritrovamenti “assolutamente unici”.

Novosibirsk2

La Dottoressa Natalia Basova, a capo della spedizione, ha delineato altri ritrovamenti inaspettati:

Abbiamo trovato una figurina di un uccello in osso, e sembra che fosse cucita su vestiti o che fosse una sorta di ciondolo.

C’erano anche quattro figurine antropomorfe, fatte di zanne di mammut, arenaria, nodi di betulla e uno sconosciuto materiale organico che necessita di essere analizzato.

Le figurine antropomorfe sembra che fossero cucite su vestiti per via dei fori che presentano.

C’è anche una figurina di un’alce fatta di argillite, ma non siamo sicuri dell’attribuzione.

Abbiamo trovato la figurina nel buco di un muro dello scavo, non in una sepoltura.

Questa figurina è ora restaurata ed era utilizzata probabilmente per “scopi rituali”.

Nelle sepolture maschili, gli archeologi hanno scoperto fibbie di cintura fatte di osso e piccole sculture, incluse quelle antropomorfe.

Figurina antropomorfa di zanna di mammut

Figurina antropomorfa di zanna di mammut

La datazione preliminare del sito sarebbe il III millennio a.C., ma sono stati rinvenuti strumenti di pietra risalenti fin all’età neolitica, possibilmente datati al IV millennio a.C.

Sono stati rinvenuti anche un insediamento appartenente alla tarda età del Bronzo della cultura Irmen e sepolture medievali dell’epoca Turkik.

Figurina di un uccello in osso, forse cucita sui vestiti o usata come ciondolo.

Figurina di un uccello in osso, forse cucita sui vestiti o usata come ciondolo.

Il suolo della più antica sepoltura principale appartiene probabilmente alla cultura Krotovo della media età del Bronzo, ma gli esperti vogliono più tempo per accertarsene.

I ritrovamenti potrebbero trovare collocazione presso il più importante museo della Russia, l’Hermitage di San Pietroburgo.

Novosibirsk6

Il profesor Molodin, in proposito delle figurine, ha affermato:

I reperti sono assolutamente unici. Sembra appartengano al III millennio a.C.

In accordo con l’iconografia delle immagini, esse sono simili alla cultura Okunev o alla cultura Samus; ma la prima non ha raggiunto i nostri territori, e la seconda ha un rito funerario completamente diverso.

Secondo le modalità di sepoltura, il sito apparterrebbe senza dubbio alla cultura Krotovo.

Riguardo gli oggetti che sono stati trovati, non ci sono altri paralleli. Sono assolutamente sbalorditivi e, senza esagerazioni, meritano di andare al Museo dell’Hermitage a San Pietroburgo.

Sono sicuro che gli esperti li esamineranno più di una volta.

Gli scavi sono ancora più complessi per via degli strati naturali del suolo, che furono disturbati da un’onda gigante che inondò il sito (chiamato Tourist-2) circa 4000 anni fa. Secondo i geologi, questo fenomeno fu causato da un terremoto.

Novosibirsk7

In tempi più moderni, il terreno era un campo di patate prima che il suolo fosse rimosso per “imbellire la città”.

I detriti del sito di costruzione sono stati ammassati qui. Anche il fiume è stato dragato e il limo posto sul sito.

Novosibirsk8

 

Fonte & Immagini: The Siberian Times.

Diana Civitillo

Diana Civitillo

So di non sapere. Il costante arricchimento intellettivo è una delle migliori soddisfazioni nella vita. Laureata in Elamico (Archeologia: Oriente e Occidente) e in Letteratura Italiana (Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali) e appassionata di storia, archeologia, letteratura, arte. Insomma, della vera sostanza dell'esistenza!

Potrebbero interessarti anche...